DARE

 

Scultura in bronzo. 13Px26Lx31H  

E’ questa un’opera complessa nei suoi significati, è quasi una storia condensata in una composizione densa di simboli e per altro di una plasticità assolutamente efficace, evocativa, quasi struggente. 

Questa donna incappucciata non ha un’identità perché simboleggia tutte le donne. Ma proprio da questo essere celato e incatenato proviene il messaggio di una ribellione storica pronta all’esecuzione. É una donna disincantata, pronta ad essere l’eroina di stessa.

Il coltello é il desiderio di farcela, di liberarsi dalla schiavitù millenaria psico-socio-culturale di un intero genere umano.

É la consapevolezza che OSARE sia l’unico atto di onestà verso se stessi capace di combattere la mediocrità e l’ingiustizia della vita delle quali per troppo tempo é stata complice.

Senza questo atto di autoaffermazione e amore per sé stesse non c’è libertà , non c’è creatività, non c’è vita, non c’è vision.

Alessandra Lancellotti - critico d’arte